Social Tixi

Ieri sono stato ospite della mega diretta di radio X in occasione del Cagliari social lab, un’iniziativa – ospitata dal Ghetto degli Ebrei – che ha dato voce e spazio a tutti quello che fanno qualcosa di interessante e utile a Cagliari.
Così, anche grazie all’amico Enrico lixia che ora collabora con l’emittente, ho presentato qualche progetto in cui sto dentro, Crastulo e il suo stato dell’arte e soprattutto il nostro www.sciradi.it il web magazine che abbiamo messo su con Francesco Congiu di Didaxa movidì dedicato alle storie positive di Sardegna e alle notizie per i giovani.

Una bella iniziativa che, oltre ad uno spazio in diretta, mi ha anche permesso di vedere la vitalità di questa città che non è solo locali e discoteche, calcio e aperitivi, fintivip e gaggi, ma anche tanta gente che si impegna spesso disinteressatamente per il sociale, i diritti e l’ambiente, in poche parole per gli altri. Associazioni, comitati, gruppi e circoli.

Finita la serata, ho fatto due passi per la terrazza del Libarium: vicino a me un gruppo di turisti, immagino del nord europa, che si godevano quello specchio di Cagliari e scattavano foto. Sentivo i loro commenti entusiastici. La nostra città è bellissima e quando cammini nei rioni storici ti sembra davvero ben diversa da quegli orrendi palazzoni dei quartieri popolari.
È proprio vero! Abbiamo un gioiello e la trattiamo da bottiglia di vetro.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.