Ogni tanto, anzi spesso, girando per strada a piedi o in auto nella mia città guardo la gente e cerco di indovinare se chi incrocio può essere o no uno o una che viene alle mie serate.

Cerco di capire da come si veste o da come si muove, dai luoghi dove lo incrocio, dai modi. Lo so è pura follia.

Alcuni mi vedono, mi salutano e spesso non ricordo chi siano. Magari li incontro su facebook, magari mi studiano dalle piste.

La realtà ovviamente è fatta di mille facce, belle e brutte. Guai se non fosse così. Però la mia fissazione è pensare che chi viene alle mie serate perché sa che ci sono io, è molto simile a me non tanto esteticamente (per sua fortuna, come diceva Linus) ma per atteggiamento, mentalità, stile di vita. È possibile?

Poi succedono i miracoli quotidiani, i messaggi che ricevi, la pagina fans sempre più forte, che allontanano l’idea che prima o poi l’età prenderà il sopravvento e fare il dj sarà solo il ricordo di una giovinezza che non vuole finire mai.

Quest’estate sono due/tre i luoghi dove mi potete trovare stabilmente con la mia musica: lo Smaila’s, il Sesto Senso e il Lido, anche se solo nelle onenight in prima e in qualche ospitata che verrà di venerdì.

Tre appuntamenti diversissimi. Allo Smaila’s lavoriamo con un pubblico over 30 e c’è possibilità di rivedere tanti vecchi amici che ho perso di vista in questi anni, quelli che oramai in discoteca vanno solo nelle grandi occasioni e nei posti dove possono stare tranquilli. Al Sesto senso sabato e domenica è mista (dai 2 anni in su) mentre al Lido di domenica ci sono gli under20. Questo per nutrire gli ossessionati di serate over, under, inter e crawler.

L’estate insomma, prosegue. Prevediamo un agosto caldissimo e non solo a livello di temperatura.

Anche a voi farne parte!

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.