Atiesse, la fine di un ciclo. Grazie a tutti

Dopo la finale di oggi, una splendida partita che ha visto prevalere – purtroppo per noi – la juniores del Basilea sulla nostra ho deciso di rassegnare le dimissioni da allenatore dell’Atiesse juniores.

Lo faccio dopo 4 anni difficili e impegnativi, in cui ho avuto l’onore e l’onere, con tutti i miei limiti umani e tecnici, di contribuire alla (ri)costruzione del settore giovanile dell’Atiesse, anni però ricchi di soddisfazioni e di bellissimi momenti sotto tanti aspetti, di persone splendide attorno e di ragazzi che sono sicuro faranno parlare di sé.

L’amarezza del risultato sul campo, a cui non è legata la mia decisione, non scalfisce minimamente l’orgoglio per la “nostra” juniores e di quanto questi ragazzi hanno fatto e dato fino all’ultimo, sacrificandosi e partecipando alle nostre attività pur con le tante difficoltà che abbiamo avuto.

Per me si è chiuso un ciclo. Un scelta che, lo ammetto, non mi priverà di una grandissima amarezza. Quando lasci un luogo che nel tempo è diventata quasi una “seconda casa” non è mai facile. Ma forse, ad un certo punto, hai anche bisogno di nuovi stimoli e sfide, o anche solo di riposo dopo tante energie spese, senza dimenticare l’impegno attuale con la Figc Delegazione calcio a 5 e i numerosi progetti in corso per la promozione della disciplina del calcio  a 5 nel territorio.

Ringrazio l’intera società per l’opportunità che mi ha dato, in particolare l’amico e collega Chicco Sanna, i fratelli De Falco, il custode Guido, i presidenti Zuddas, Dessì e Accardi, Lello Pirroni, Palmerio, Franco, Gianni, Tonio, l’a.s Paolo Melis, Giandomenico Meloni, Roby Balestrieri, senza dimenticare anche tutte le persone con cui ho collaborato negli anni passati: Ale Saba, Nicola Tidu, Tony Petruso, Samuele Fenu, Ale Salis, Maurizio Durzu, Danilo Cangemi, Massimiliano Carta e quelli che ci hanno supportato a livello di sponsor come Gianluca Monni (Yearbook), Ale Ariu (Eye) e mi scusi chi non è stato citato.

Ringrazio infine tutti quelli che hanno preso parte a questo progetto delle giovanili e chi ha creduto nel sottoscritto, a tutti i giocatori delle varie categorie che dal 2007 mi hanno seguito in questa “avventura” in rossoblù e ho avuto la fortuna e il piacere di allenare.

TUTTI VOI, CARI RAGAZZI nel vostro piccolo, sappiate, avete lasciato un segno. Un segno che il tempo e le strade magari diverse non cancelleranno MAI.

Colgo l’occasione, infine, per fare i saluti a tutti gli appassionati del calcio a 5 e soprattutto i complimenti al Basilea, squadra da sempre molto attenta al settore giovanile, che sono sicuro terrà alti i colori della nostra Isola alle fasi finali.

 

Nicola Montisci

 

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.