Oggi, giornata di commemorazione dei defunti. Oggi un ricordo speciale per chi non c’è più e il giorno in cui si visitano i cimiteri per portare un fiore o recitare una preghiera.

Mi ha colpito una riflessione di Coelho sul senso della vita:

…”Si pensa poco alla morte. Passiamo la vita preoccupandoci di autentiche assurdità, rimandando cose, trascurando momenti importati. Non osiamo rischiare, perché pensiamo sia pericoloso. Ci lamentiamo copiosamente, ma diventiamo vigliacchi quando si tratta di assumere dei provvedimenti. Vogliamo che tutto cambi, ma ci rifiutiamo di cambiare noi stessi. Se le persone pensassero di più alla morte, non si scorderebbero di fare talune telefonate. Sarebbero molto più folli. Non temerebbero la fine di questa incarnazione – perché non si può avere paura di qualcosa che accadrà comunque. Gli indios affermano: “oggi è un giorno buono come qualsiasi altro per lasciare questo mondo”. Molto tempo fa uno stregone ha detto: “che la morte sia sempre seduta al tuo fianco. In tal modo, quando dovrai compiere imprese importanti ti darà la forza ed il coraggio necessari.” Spero che tu, lettore, sia arrivato sin qui. Sarebbe una stupidaggine spaventarsi per i contenuti di un testo, visto che tutti, presto o tardi moriremo. Soltanto chi accetta questo assunto è pronto per la vita. ”

(P.Coelho “Sono come il fiume che scorre”)

20121102-175109.jpg

Condividi