Seleziona una pagina

Day8. Quando finirà tutto? Me lo chiedo ogni sera, quando il silenzio e i pensieri prendono il sopravvento.

Non sarà facile, non illudiamoci. Non perchè non sia aspetti il meglio ma perchè provo a leggere tra le righe e prevedere gli scenari. Felice di sbagliarmi. Il nemico ogni giorno assume una forma informe: non lo vedi e non lo tocchi. Non capisci come si muova.

Come dicevo oggi – e vi consiglio l’intervista con la psicologa Alessandra Pontis – abbiamo da considerare non solo le questioni economiche e democratiche ma la tenuta emotiva e psicologica di tutto.

Ci sono 3 scenari:

– il contagio comincia a scendere;

– il caldo;

– la scoperta di un vaccino;

Intanto cadono certezze su cui per cui ci siamo divisi. L’Europa non considera più Schengen, addio patto di stabilità e ogni paese se n’è fregato degli altri. Tutti liberi, come poteva immaginarsi. La Saregna si isola, raggiunge una quasi inattesa indipendenza.

Si dice che nelle grandi crisi emergano le persone: lo stiamo vedendo ad ogni livello.

È una nuova epoca che si apre, un post terremoto, un day after e dobbiamo focalizzarci anche sul dopo che arriverà: paradigmi muovi che già stiamo vivendo.

Continuo ad asserire che nulla sarà come prima, nonostanre vecchi rottami si muovano su stessi paradigmi.

Le nostre vite non saranno più le stesse. Cambieranno la nostra socialità e le nostre abitudini. Per quando? Io comincio a pensare al post emergenza anche perché sarà impensabile paralizzare tutto per molto, non solo le persone. Bisognerà farsi trovare pronti, però. Quando, richiedete? Che ne so, rispondo.

Magari il contagio sarà una costante con cui convivere, e si troverà un equilibrio, una modalità di gestione, a costo di pesanti sacrifici e rinunce, anche sociali.

Forse riusciremo a uscirne a un certo punto, ma non potremo mai abbassare la guardia.

Abituiamoci allora a capire questo. Non troveremo quello che c’era ieri, ne son certo, non abbiamo messo il tasto PAUSE, ma la nostra più grande vittoria sarà trovare una normalità seppur diversa. Che non è nemmeno così tanto scontata.

Condividi