Posts tagged libertá

Vivi e lascia vivere

Ha vinto lui, possiamo dirlo? Le stranezze nella spiaggia di barcellona sono tante e diverse ma sfuggono. Nessuno si sorprende più di tanto, le persone vedono tutto questo come normalità, non si allarmano, non strillano sui social, non fanno articoli sui giornali, così come è tollerata normalità farsi uno spinello in spiaggia o tracannare mojito venduto da ambulanti abusivi, ma se esageri sono dolori, la polizia qui, presente ovunque a controllare i maggiori luoghi di aggregazione, non fa sconti. Vige una sorta di tacito “vivi e fatti i cazzi tuoi”.
Pensare che a poche centinaia di metri da qui, nudisti e bagnanti – famiglie comprese – facciano il bagno gomito a gomito (o pisello a slip) fa capire il grado di libertà e libertinismo di questa città.
La cattolicissima Spagna, la sua storia, ha realizzato in pochi anni dalle restrizioni del franchismo un modello interessante di compromesso tra tradizione e libertà. Con le sue difficoltà e contraddizioni, aggiungo, perché crisi e precarietà sono presenti eccome, anche nella ricca Catalogna che prova a smarcarsi.

Jan Palach, 21 anni

Abituato a vivere in un posto dove non succede mai nulla, senza slanci ideali, capiti qui. E ricordi una tragica storia.

16 gennaio 1969: Jan Palach si recò in piazza San Venceslao, si cosparse il corpo di benzina e appiccò il fuoco.
I giovani avevano deciso di estrarsi a sorte uno alla volta e di morire come torce umane per protestare contro l’occupazione sovietica. Il primo estratto era lui, che studiava filosofia. Poi gli altri, uno alla volta.

Lo faceva per una parola bellissima che per noi forse vuol dire scrivere quattro stronzate su facebook o ‘fare quel che si vuole’ ma che ha visto persone morire per gli altri: la LIBERTA’.

Quanto mancano oggi eroi così, penso, o forse si è fatto in modo che qualsiasi eroe contemporaneo non emerga per evitare che altri seguano il suo esempio e vengano addomesticati al pensiero comune.

Una preghiera per lui.