Flash mob in piazza del Carmine

Piccole storie di giovani che mImmagineovimentano la città come quella di Marco e Chiara, neodiplomati, fuori dal giro (strano ma vero) di disco e locali in della città,  che prima di partire a studiare “in continente” (come diciamo noi) hanno organizzato un gran bel flash-mob stasera in piazza del Carmine sulle note del tormentone pop Gangnam style.

.

Cos’è il Flash mob? Da wikipedia, flash: lampo, inteso come cosa rapida, improvvisa, e mob: folla. È un termine coniato nel 2003 per indicare una riunione, che si dissolve nel giro di poco tempo, di un gruppo di persone in uno spazio pubblico, con la finalità comune di mettere in pratica un’azione insolita. Il raduno viene generalmente organizzato via internet (come sui social) o telefonia cellulare. Le regole dell’azione possono essere illustrate ai partecipanti pochi minuti prima che questa abbia luogo o possono essere diffuse con un anticipo tale da consentire ai partecipanti di prepararsi adeguatamente.

In questo caso, Marco e Chiara, insieme ad altri collaboratori, hanno passato settimane per organizzare l’evento, istruire i ballerini con tanto di lezioni prova di pomeriggio al Terrapieno sopra i parcheggi di viale Regina Margherita. Si sono impegnati per le autorizzazioni e l’impianto audio, investendo un po’ di loro soldi. Tutto questo – quasi impossibile ai giorni nostri – per passione.

A loro, non interessa rendersi famosi.

Tra poco cambieranno vita, andranno lontano. Un regalo alla città, quasi, possiamo dirlo?

Non sono mancati i criticoni e quelli che hanno ridicolizzato l’idea (immancabili cagliaritonti).

Il tempo oggi non è dei migliori, nuvoloni ma almeno la temperatura non è nemmeno autunnale, ma l’evento facebook (oltre 3500 confermati) promette che almeno “qualcuno” ci sarà. Pioggia o non pioggia, massimo supporto a idee come questa che ravvivano un tranquillo di pomeriggio con un po’ di musica e colore.

Comunque vada, diceva un tale, sarà un successo!

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.