Seleziona una pagina

La sveglia è alle 7, non perchè l’abbia settata sull’iphone ma perchè i lavori del vicino cantiere sveglierebbero anche un elefante. E i lavori, i cantieri, i muratori, le gru, i camion, le betoniere sono una costante di Malta.

Una colonna sonora immancabile. La colazione è al Bar Pasculli, una catena italiana che offre cornetti caldi e cappuccini a prezzi non proprio concorrenziali. Per andare a La Valetta da St Giulian c’è un autobus che fa una linea costiera: ogni corsa costa 1 euro e 50 e si può fare un biglietto prepagato da ricaricare volta per volta.

Il bus ferma a Triq Spinola, dopo che le atmosfere plastiche di San Giuliano hanno lasciato spazio a quelle più caotiche della Malta popolare: negozietti random, lavori, sushi bar, barbieri e tatuatori. I turisti si mischiano a maltesi e migranti e i locali pettinati con la deep house e il reggaeton a palla sono un ricordo. Il bus è pulito e si riempie via via che tocca le varie baie del percorso fino a La Valletta. Intorno ci sono abitazioni bianche curate così come mega alberghi senz’anima. Vicino al mare si sviluppa una bella e lunga passeggiata fatta di piccoli bar e giardinetti, insenature e panchine vista mare. Balluta, Sliema, Gezira, in venti minuti il bus arriva al capolinea, di fronte al Memoriale di Guerra del 1938. Altro monumento è la fontana dei Tritoni, opera dello scultore maltese Vincent Apap. Da qui, la Porta della città permette l’ingresso di Valletta. Anche questa è costruita dall’architetto italiano Renzo Piano.

UN SALTO NEL TEMPO!

La Valletta è quel luogo che ti catapulta al Medioevo, a cavalieri e sfide all’ultimo sangue. Ha un centro storico racchiuso da antichi bastioni, fatto di stretti vicoli con edifici antichi con i caratteristici balconi in legno colorati, i gallarija. Strade strette lastricate, disposte a grigia, chiese barocche, palazzi antichi, “costruiti dai cavalieri per i cavalieri” e realizzati con quell’inconfondibile pietra color ocra.

La Valletta è il mix di tutto quello che l’isola rappresenta, cultura europea, nordafricana fino a quella mediorientale,.

Verrete travolti dal flusso della sua strada principale (Triq ir-Republika) con i negozi dei grandi marchi internazionali della moda, della gioielleria e della musica, un fluire rumoroso di turisti, altri negozi che vendono ogni cosa possibile e immaginabile, boutique, caffè e palazzi istituzionali.

Da questa lunga strada, colorata dai carri e dai colori del Carnevale, si snodano stradine secondarie, salite e discese anche molto ripide, dove si possono trovare altre botteghe e caffè. E poi ancora biancheria stesa, porte colorate, piccoli frammenti di mare, Madonnine negli angoli che sembrano benedire i viaggiatori, profumo di kebab e i rumori indistinti di stoviglie.

Tornando all’accesso principale, il primo palazzo che incroci è il nuovo Parlamento progettato da Renzo Piano e inaugurato nel 2015, realizzato con la pietra calcarea maltese chiamata limestone. Leggo che questo edificio ha suscitato molte controversie tra la popolazione locale. Le opinioni si dividono con chi è a favore del modernismo e con chi avrebbe preferito una struttura più conservatrice e coerente con la storia di Valletta.

Subito dopo, a pochi metri, uno spazio vuoto con luci e altri cartelloni: è il Royal Opera House, il teatro più importante e prestigioso di Valletta. Nel 1873, devastato da un incendio, fu restaurato nel 1877 e nel 1942 venne bombardato dall’esercito tedesco. Le rovine sono state riqualificate ancora da Renzo Piano che lo ha ripensato come un teatro all’aperto. Nacque così il Pjazza Teatru Rjal, inaugurato nell’agosto 2013. Il teatro ospita oggi concerti, proiezioni di film, festival e spettacoli teatrali. Più avanti ancora l’Auberge de Castille, uno dei sette costruiti a Valletta nel XVI secolo dai Cavalieri dell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme. Era la sede dei cavalieri spagnoli e portoghesi, oggi è l’ufficio del primo ministro. La piazza ospita le statue di George Borg Olivier, ex Primo Ministro che ha portato Malta all’indipendenza, e Paul Boffa che ha dato il diritto di voto alle donne nel 1945.

Non poco distante, troverete i Giardini di Barrakka: sono tra i giardini più belli di Valletta da cui godrete di un belvedere delle Tre Città e del porto. Curiosità vuole che fosse un luogo di riposo privato per i cavalieri italiani, ma ha aperto le sue porte al pubblico nel diciannovesimo secolo.

Oltre il verde, c’è la Saluting Battery, l’antica piattaforma cerimoniale da cui vengono sparati i colpi di cannone. Anche oggi la tradizione continua con le sparate, due volte al giorno, a mezzogiorno e alle quattro del pomeriggio. Quei colpi di cannone e un’astuta colonna sonora in sottofondo ti catapultano nell’antico Medioevo e nel periodo delle conquiste e delle guerre a suon di artiglierie pesanti!

LE CHIESE DELLA VALLETTA

Malta è anche chiese, tante e spesso nascoste tra le costruzioni dal classico colore giallastro. La concattedrale di San Giovanni è una tappa obbligata. Le decorazioni sono state ispirate dalle più belle chiese del Vaticano. La cattedrale contiene anche molti dipinti, sculture e dipinti di grandi artisti come Mattia Preti e Caravaggio (“La decollazione di San Giovanni Battista” è tra i più importanti dipinti del diciassettesimo secolo).

E PER PRANZO?

La gente è tanta, come l’offerta gastronomica. C’è un ristorante italiano, uno dei tantissimi presenti, ben recensito sulle guide. Si chiama ZeroSei, e offre piatti della cucina romana, con alcuni tavoli fuori e un onestissimo menù di primi gustosissimi. Una carbonara, un buon vino rosso e si può ripartire per le strade della Valletta. Si avvicina un tipo, evidentemente sbronzo: è giovane, pare voler attaccare giusto discorso.

Un colorato bar vicino richiama la voglia di caffè, invece fanno solo birre e drink. Ancora alcool? Come sempre, per non dire di no e andarmene facendo notare che cercavo una semplice caffetteria, ordino un prosecco. Il 67Kapitali (67 Triq l-Ifran Il-Belt Valletta), così si chiama, è gestito da due ragazzi e ha tavolini di ferro con sedie metalliche color turchese, ci sono specchi, riproduzioni di quadri di Klimt, e un grande menù disordinato dove vengono presentate – scritte col gesso – le birre alla spina disponibili, un divano amaranto che ha davanti un tavolino di riviste in lingua inglese divano e che diventa la mia sistemazione per diverse ore. 

Una caratteristica dei locali di Malta è che i bagni sono sistemati sempre in un antro segreto nel piano sottostante raggiungibile con scale non proprio agevoli. Il bar in viaggio diventa ritrovo, ufficio, casa. Pomeriggio sonnolento, come sempre accade dopo una mattinata così.

Il bus aspetta i turisti sempre vicino alla Fontana dei Tritoni. Il terminal è organizzato benissimo, con le destinazioni e i numeri dei mezzi riportate su cartelli. I turisti si mischiano ai maltesi che vestono senza l’ossessione dello stile e delle marche che abbiamo noi italiani. Risalendo a bordo, le nuvole e un’aria di tempesta ha cambiato il mood del pomeriggio. L’autobus risale verso St Giulian, riavvolgendo la pellicola di stamattina e permettendo di ricaricare le batterie dopo le camminate della Capitale.

SPINOLA BAY E LE DISCO DI PEACEVILLE!

La cena è a Spinola Bay, una zona ricca di ristoranti, bracerie, sushi bar, con una baia suggestiva che la notte si illumina. Nonostante la notte, colpiscono le piccole imbarcazioni colorate tradizionali che dondolano su un mare stranamente calmo.

Oggi è la volta di una burgeria (Badassburger) che si trova a due passi dal Commissariato locale. Chissà che vita fanno i poliziotti in uno dei paesi col più basso tasso di criminalità d’Europa! Per la verità proprio davanti ai loro uffici qualche personaggio poco raccomandabile gira eccome. Un hamburger di Angus e una bella Cisk, la birra locale, completano la serata, mentre due televisori, uno di fronte all’altro, propongono due partite diverse del campionato tedesco. 

E’ domenica e andare a letto presto sarebbe un delitto! Peaceville, il quartiere che è una piccola Las Vegas dove puoi trovare sushi bar, discoteche, megacinema, centri commerciali, gentleman’s club, casinò, lounge bar, kebab e pizzerie da asporto tutte raccolte in poche centinaia di metri, in particolare nella stretta scalinata di Triq Santa Rita. Anche qui, il mix di volti è contrastante: si passa dagli studentelli sbarbati altezza un metro e novanta alle ragazzine con minigonne vertiginose fino a incrociare sguardi di sfida di strani individui che tutto vogliono fare fuorché divertirsi. Poi ci sono i buttafuori che controllano il fluire della gente con sguardo attento e fisico scolpito e poi ancora, di fronte ai Gentlman’s Club – leggete le recensioni per capire cosa accade dentro – donne attempate, truccate con frettolosa attenzione, provano a stuzzicare i viandanti con sguardi tra il seducente e il minaccioso. L’offerta classica dei discobar maltesi è  nresso gratuito, compra un drink e ne hai un altro in omaggio.

TRA SHADOW E FOOTLOSE

I locali si riempiono presto, già alle dieci ribollono di energia e musica, il pubblico è giovanissimo. Si balla, si fuma dentro, non ci sono mascherine e quello che più colpisce è l’entusiasmo che sta nell’aria. Tutti ma proprio tutti ballano e si divertono. I prive sono degli angoli sovraffolati, il resto è solo pista. Tanta gente, troppa! Shadow Club, Footloose, Tigullio. Tutti si muovono sguaiatamente ma nessuno ha l’aria minacciosa nonostante ci si tocchi e ci si avvicini. La selezione spazia tra Reggaeton, hiphop, dance, l’età media sta sui 22 anni, perlopiù studenti che qui arrivano a frotte per i corsi d’inglese.

Si canta a squarciagola qualsiasi pezzo, la clientela femminile fa amicizia molto velocemente strusciandosi su qualsiasi elemento commestibile, compresi i buttafuori che appaiono, stranamente, rilassati.

Non aspettatevi consumazioni meravigliose: l’offerta uno per due al bar è la morte del buon bere. Bicchiere di plastica e drink annacquato. E quando entra la polizia municipale – quella sì, con le mascherine – e credi che ora arresterà tutti per il mancato uso delle stesse o per limonate non autorizzate, in realtà controlla solo i documenti di qualcuno che, solo d’apparenza, sembra minorenne.

All’una il Dj con un pezzo di uno sconosciuto clone di Justin Bieber, suona la ritirata: tutti fuori. Nei giorni lavorativi è la regola. I clienti escono con ordine, davanti alla disco comincia lo spettacolo classico del post serata universitaria: chi urla, chi si bacia, chi vomita. Quella stessa strada, la mattina dopo, sarà già  pulita, con i soliti operai maltesi a costruire, mettere il cemento, piallare o ristrutturare l’ennesimo palazzo.
La Malta plastica e luccicante di Peaceville mi lascia perplesso specie dopo le atmosfere mediterranee della Valletta. Eppure anche questa, rumorosa, festaiola, trash, con i menù e la musica, le ragazzine in gita premio è una delle facce di un’isola bellissima e piena di volti e contraddizioni palesi.