Mai fermare il sacro fuoco della scrittura

ImmagineMolti giovani (o eterni giovani come me) che coltivano la passione per la scrittura, questa bestia infame che ti fa passare ore ed ore davanti a una tastiera o a riempire fogli di pensieri e parole, spesso quando non trovano spazi si sentono inutili e accantonano questa passione. Credono che per scrivere e per essere giornalisti ci voglia sempre un giornale o un posto importante dove buttare le proprie parole.

Invece no: se non vi danno questi spazi (ed io, anche se ho un tesserino dell’albo da 12 anni tra fallimenti di testate e porte sbattute ne so qualcosa) createveli voi questi spazi. Con prepotenza, rabbia e passione.

Blog, siti, la vostra pagina facebook, i giornali di classe, quelli online. I giornalisti esistono prima dei giornali e gli scrittori prima dei libri.

Scrivete, inondate il mondo di pensieri e parole, riflessioni e provocazioni, fregatevene di chi uccide i vostri sogni e di chi vi chiude le porte, di chi vorrebbe ammansire la vostra vena poetica. E se anche un solo contatto o amico si sarà accorto di voi, beh…quella sarà la vostra grande vittoria.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.