Seleziona una pagina

Amici che fanno (cose interessanti), la mia rubrica periodica. Amici di lunga data, conosciuti in quel bel mondo fatato che si chiamava Liceo Scientifico Pacinotti di Cagliari, una scuola che ha ospitato generazioni di cagliaritani e non.

Come sempre succede anche le amicizie “fanno dei giri immensi e poi si ritornano”. Ah, no, quelli erano gli amori di Venditti, ma va bene lo stesso. Ci si conosce, si cresce, ci si perde di vista e poi, quasi per caso, ci si ritrova. Non solo tramite Facebook, come è accaduto a tanti.

Così scopro che Giancarlo Cherchi e Stefano Cau, ingegneri con varie skills, hanno aperto da anni una bella attività che si chiama YouAndTech. Così scopro che hanno viaggiato e fatto belle cose in giro in un campo interessante come l’innovazione. E allora, perché non intervistarli visto che stanno per partecipare al salone dell’innovazione Sinnova, in programma il 3 e 4 ottobre a Cagliari? Presto detto, ci siamo visti e abbiamo chiacchierato.

Giancarlo e Stefano, come nasce YouAndTech?

Dal desiderio di creare qualcosa di personale molto ambizioso, non la solita azienda tecnologica locale, ma un modo di vivere la tecnologia, un’azienda che vuole creare “la tua nuova tecnologia”. 

Mi ha incuriosito la scelta di un nome molto friendly, facile e simpatico. Che avvicina le persone alla tecnologia. Come mai? E quale filosofia si nasconde?

L’origine del nome è un po’ bizzarra! Nasce infatti dal delirio onirico del nostro CTO che, in preda a un’influenza, si svegliò con le tre parole magiche in mente. Colpito dall’accostamento delle parole “You”, “and” e “tech”, che lasciavano intendere una relazione tra l’uomo e la macchina, tra le persone e la tecnologia, decise subito di acquistare il dominio internet e, da quel momento in poi, tutto ha iniziato a prendere forma. La forma che avevamo da sempre immaginato.

C’è sicuramente una filosofia dietro al nome e all’azienda. L’idea è di diventare un punto di riferimento che renda accessibile a tutti la tecnologia, intesa come mezzo che alimenta il progresso dell’umanità. Il logotipo racchiude tutti i tre elementi: la persona che avverte un bisogno, la lampadina che accende l’idea e una soluzione tecnologica che si fonde con la persona, in modo da creare un tutt’uno con la tecnologia.

A questo punto, la domanda nasce spontanea e ci serve per capire meglio. Di cosa vi occupate in particolare?

Ci occupiamo di tecnologia a trecentosessanta gradi, ma in particolare la decliniamo in alcune aree principali: software hardware e firmware, impianti reti e sistemi di telecomunicazioni, networking e security, passando per la didattica e formazione, gestione e organizzazione aziendale, e intelligenza artificiale. I nostri servizi principali sono consulenza, progettazione e formazione tecnologica.

Specie per noi adulti, quanto è difficile star dietro alle innovazioni oggi e soprattutto trasmetterle alle persone?

Sicuramente non è semplice, ma per noi diventa naturale grazie alla ricetta per star dietro alle innovazioni: la passione. Mettere la giusta passione in ciò che si fa, ti dà una grande carica che poi si riesce a trasmettere in modo molto naturale alle persone. 

Esperienze concrete da raccontare. Ci sono progetti che vi hanno particolarmente “emozionato”? Problemi risolti con efficacia? 

Cerchiamo di emozionarci sempre, perché è importante trasmettere agli utenti l’emozione dei nostri prodotti. In particolare però ci ha emozionato MyLAN, un nostro prodotto che vogliamo lasci un segno tangibile e che abbiamo realizzato prima di tutto per soddisfare le nostre esigenze.

Sarete a Sinnova2019 con YTMyLAN, ci spiegate intanto come mai avete deciso di partecipare?

Parteciperemo al Salone perché è da tempo che il nostro CEO assilla tutti in azienda, in particolare il nostro CTO, con l’idea di condividere le nostre soluzioni tecnologiche innovative in un contesto che ci permetta di esprimere al meglio i nostri valori e le nostre capacità: quale miglior modo, dunque, se non quello di impegnarsi nella più importante manifestazione del territorio? Vogliamo raccontarci e raccontare la nostra Visione della tecnologia e magari il nostro CTO si sentirà un po’ meno assillato!

A questo punto mi dovete dire cosa sia questo YTMyLAN. Ci ho messo anche del tempo a capire come si pronuncia bene… Uaitimylan, giusto?

Esatto! MyLAN è una tecnologia innovativa che permette di avere sempre con noi in modo semplice e sicuro la nostra rete e i nostri dati. Ci permette di accedere da ovunque ci troviamo a tutti i dispositivi nella nostra rete: PC stampanti, telecamere, smart TV, NAS, tanto per citare i più comuni. Così possiamo avere sempre con noi in modo ultra sicuro i nostri dati e di poterli condividere soltanto in nostra presenza. Grazie a un piccolo tag delle dimensioni di una moneta da due euro, il dispositivo potrà accertarsi della nostra presenza e impedire l’accesso non autorizzato. Se perdiamo o dimentichiamo il dispositivo, nessuno potrà accedere ai nostri dati e se ci prova saranno immediatamente cancellati in modo irrecuperabile.

Quali problemi, alla fine, risolverà MYLAN? Perché poi è questo che la gente vuol sapere!

Pensiamo che aiuterà a risolvere diversi problemi. Prima di tutto avere con sé il proprio ufficio e i propri dati, senza essere fisicamente sul posto, ma da qualsiasi parte del mondo (per ora) e magari dell’universo nel prossimo futuro. Basta una connessione internet e la voglia di girare il mondo e lavorare. Inoltre, ci permette di avere i nostri dati al sicuro e condividerli temporaneamente solo in nostra presenza, senza dover inviare documenti dal contenuto riservato che possono uscire presto  al di fuori del nostro controllo.

Andiamo avanti, spoileriamo! Progetti per i prossimi mesi?

Ci sono un po’ di cose in cantiere. L’innovazione tecnologica non ti permette di rilassarti troppo! Sicuramente proseguiremo con la reingegnerizzazione di YTMyLAN usando hardware dell’ultima generazione, in modo da essere ancora più pratico e performante. Poi continueremo a portare avanti un altro progetto che sarà svelato prossimamente, quindi continuate a seguirci!

Com’è una vostra giornata tipo? Quanto tempo dedicate alla formazione, aspetto cruciale in un mondo così veloce e competitivo?

Difficile descrivere una giornata tipo, anche perché abbiamo una concezione del lavoro diversa dal convenzionale. Non ci piace il concetto di ufficio dalle 8 alle 18. Anzi, non ci piace proprio l’ufficio fisso! Il nostro ufficio è dinamico, può essere all’aperto, da un cliente, in uno scantinato, in hotel. Quello che conta sono le idee e soprattutto realizzarle. In effetti anche MyLAN nasce da una nostra esigenza: avere sempre l’ufficio con noi anche quando non ci siamo fisicamente. Poi aggiungiamo che il lavoro deve essere soprattutto divertimento. Divertirsi mentre si fa il proprio lavoro è un’altra componente fondamentale per il successo di un’azienda.

Perché spesso la tecnologia viene vista come un rischio e come un modo per demansionare le persone fino a mandarle a casa?

Uno dei principali rischi è legato al fatto che la tecnologia tende a favorire l’allontanamento dal mondo reale in favore di un mondo virtuale, una sorta di “quinta dimensione”. Inoltre, la tecnologia può creare eccessiva dipendenza e comportare rischi concreti, come l’essere vittima di maleintenzionati o sfruttare le tecnologie per commettere illeciti o reati veri e propri. Per questo motivo, fare tecnologia al giorno d’oggi richiede particolare riguardo alle problematiche della sicurezza e della privacy delle persone.

Dove ci porterà la tecnologia? Quali sono le possibili novità che vedremo nei prossimi 5-10 anni?

Ci porterà sempre più lontano e le novità che ci aspettano sono tantissime. Basta solo pronunciare alcune parole come IoT (Internet of Things), cybersecurity, blockchain, artificial intelligence, big data. Ne vedremo delle belle! E noi cercheremo di stare sempre sul pezzo dando il nostro contributo.

…E Stefano e Giancarlo dove saranno tra 5 e 10 anni?

E’ sempre difficile prevedere il futuro, soprattutto nel mondo della tecnologia, dove domani è già molto diverso da oggi. Usando la fantasia, potremmo essere su una barca tecnologica, sulla luna, su un angolo remoto della galassia o anche nella nostra terra, magari in una sede non convenzionale o futuristica! Ma, a prescindere da luogo, una cosa è certa: saremo sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, utile, che possa essere di aiuto a noi e alle future generazioni.

Ci vediamo a Sinnova e, se volete sapere qualcosa di più, visitate www.youandtech.it! 

Condividi