Uno dei vantaggi dei nostri tempi stia nella possibilità di essere trasversali. Io sento di avere un centro nevralgico da cui poi muoversi verso altri campi. Una galassia di luoghi e idee, azioni e possibilità che mi attrae.

Di mestiere scrivo, anche se è dura sbarcare il lunario con questa professione, ma poi mi capita ogni tanto di andare in radio, “fare” il dj, di allenare, organizzare eventi, di ritagliarmi altri campi d’azione. Tempo fa addirittura ho fatto parte di uno spettacolo teatrale. Senza dimenticare il mondo della politica. Tutti spazi che mi hanno incuriosito tantissimo.

Qualcuno mi dice che ho troppi interessi, che non mi fermo mai, non ho mai tempo per me. I soliti “ragionieri” mentali che vivono in un mondo perennemente immobile, senza stimoli, incanalato sui soliti binari. Devi fare questo, devi fare quello, ma chi te lo fa fare? Ma alla tua età? Auguri. Forse in medio stat virtus, ma ognuno ha un suo modo di vivere, una sua filosofia, e la gente che pretende, anche attraverso facebook, di discutere i tuoi ritmi mi fa davvero ridere. Quasi avessero loro la verità.

Chi ha la verità? Ognuno porta una sua verità, una sua visione del mondo. Molti chiamano verità ciò che la cultura e la propria educazione gli hanno trasmesso e senza volerlo hanno incarnato. Invece la verità si crea, si adegua al tempo, si cambia. Un po’ come il trasversalismo: cadute le idee di destra e sinistra, ci sentiamo ora pronti a rivalutare certe opinioni che avevamo incastrato negli ingranaggi delle ideologia. Ci sono gustose comunanze con gli amici di sinistra spesso inattese su temi come l’energia, il lavoro, l’ambiente. Il che non ci deve intimorire, anzi.

Detesto il fatto che in Italia non si possa mai avere un’opinione su un fatto, bisogna per forza seguire il manuale del luogo comune.

La poliedricità è una delle cose più belle nella via: non avere un solo interesse e passione ma coltivarne tante. Anche il lavoro oramai chiede la capacità di sapersi adeguare velocemente ai cambiamenti. Se hai solo una capacità sei praticamente fottuto. Tutto cambia velocemente. Addio posto fisso, addio certezze. Ho visto persone ripensarsi completamente, lasciare professioni che pensavo li avrebbero accompagnati  fino alla pensione buttarsi in nuovi progetti. Sono persone straordinarie, che hanno scommesso la vita il lavoro e ricominciato da zero, magari anche partendo, non avendo timore di sembrare un po’ fuori di testa.

Ah già, i fuori di testa…meglio sicuramente di quelli che non cambiano mai.

 

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.