Non tutto va male..

Non è vero che tutto va male. Mi sono accorto in questi due giorni in cui ho dovuto risolvere alcuni problemini riguardanti l’assicurazione e le pratiche della mia auto di trovare tantissimi impiegati e funzionari gentili e disponibili a risolvere gli inghippi sia dal vivo che al telefono.

Forse è vero: siamo talmente abituati a voler criticare e cercare il pelo nell’uovo – sport nazionale – che ci dimentichiamo delle cose positive. E ce ne sono davvero, se solo ci pensiamo. Allora grazie a tutti quelli (amici e non) che mi hanno permesso di divincolarmi (naturalmente, nel rispetto delle regole!)  da una serie di traversie burocratiche che mi avevano fatto perdere la calma questi giorni, impegnatissimi. Eh già, perchè gli incasinamenti non ti arrivano nei periodi di magra, ma in quelli dove sei impegnato su più fronti e il tempo ti par correre.

È cominciata una settimana movimentata – ve ne sarete accorti – tra riunioni per la Figc (lunedì a Carbonia, martedì a Isili), la rappresentativa femminile regionale di calcio a 5 oggi a San Nicolò D’Arcidano e la partenza a Milano, domani alle 6 del mattino da Elmas. Allora puoi imprecare, incazzarti, prendertela con i primi che ti passano davanti oppure accorgerti che con un po’ di calma e lasciando “che tutto scorra” il problema si risolve, o quasi.

Ieri ero l’emblema della rabbia: il rischio di tenere l’auto diversi giorni ferma in attesa di un documento per l’assicurazione mi affliggeva, ma sono bastate poche ore per ritrovare tutta la tranquillità.

Ho urlato alla luna. La notte ha davvero portato consiglio.

Anche perché con questi ritmi, si rischia davvero la crisi di nervi. Grosso cruccio, ma questa è la nostra vita. Sopravvivere più che vivere, ma alla fine vivere più di chi crede di vivere. Sarebbe bello poter fermare il giorno per 24 ore e risincronizzarci. Basterebbe il tasto sync delle nostre consolle, farci andare a tempo con quello che accade, invece che rincorrere sempre qualcuno o qualcosa. Persone, progetti, soldi, scadenze e perché no? Sogni.

Mi addormento perché sono stanchissimo. Domani alle 6 in aeroporto per un Cagliari-Bergamo e poi la fredda Milano, pieno di curiosità per un progetto che sto valutando e di tutt’altro genere rispetto a ciò che ho fatto fino ad oggi. Adoro le nuove iniziative ed esperienze, tengo la mente sempre aperta su tutto. Quindi venerdì non sarò in radio ad affiancare Stefano, ma sarà confermatissima la trasmissione su Radio Press e la scuola calcio in via Newton.

Poi sabato si tornerà a Cagliari, la notte il dj set al Sesto Senso e la domenica a Villaputzu per una esibizione live in piazza per Carnevale. Un’altra novità assoluta: suonare in piazza. Proseguendo il calendario delle serate lunedì Charlie  e venerdì Cube.

Non voglio trattenervi con quel che c’è, i progetti “in progress” e quelli che sto pensando. Arriveranno anche Futsal Games (sono arrivate già tante proposte) e Camp, ma non solo. Vorrei dirvene tante altre che sono più che un semplice appunto su un foglio, ma sto sbadigliando come nessuno.

Però ho ancora tempo di chiedervi….

Siete pronti? Non chiedetemi per cosa, ma “siete pronti?

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.