Non compro Charlie Hebdo.
Non sono Charlie, anche se è stata una tragedia immensa.
Ma non sono nemmeno per i terroristi.
Non sono per quelli che hanno portato a tutto questo, e magari dicono oggi di essere Charlie.
Non sono per chi specula, chi urla parole di fuoco e gioca sul dolore e la paura.
Sono per la libertà di espressione, ma non per l’offesa e l’insulto.
Sono per la non violenza. Sono per il rispetto delle regole.
Sono per il rispetto dei credi religiosi e la tolleranza.

Sono per l’uomo, sempre, prima di tutto.
E chi attenta l’uomo, con le bombe, con la penna, con le parole, con la religione, con la politica, non avrà mai il mio appoggio.

IMG_5241.JPG