Borgonovo e gli altri eroi

Ho sempre creduto che le malattie gravi non esistessero finché il cancro non è entrato silenzioso e bastardo nella mia famiglia a togliermi l’affetto di mio padre.

Riesci a capire certe vicende solo quando ti toccano da vicino. Altrimenti sono sempre “robe di altri”.

La riflessione di oggi è ovviamente dedicata a Stefano Borgonovo, ex calciatore scomparso proprio ieri a casua della SLA.

Di certo l’immagine di Borgonovo che più mi piace ricordare è quella con la maglia del Milan, a regalare la finale di Coppa dei Campioni di Vienna, con un gol nei supplementari all’Olympianstadium di Monaco (http://www.youtube.com/watch?v=I7Ab_Fa_PH8)

Era il 1989, anni luce, ma quel pallonetto nel campo verde bagnato resta nel cuore di ogni sportivo e di ogni tifoso rossonero.

Oggi penso a lui, ai famigliari e a tutte quelle straordinarie vite che nonostante i drammi di malattie invalidanti continuano a lottare e magari contribuiscono con il loro impegno a tener accesa la fiammella della speranza.

Gente che non perde la dignità malgrado conosca già il suo destino. Hanno tanto da insegnarci. Non so voi ma io li chiamo eroi.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.